Sicurezza in mare: Cos’è e come scegliere la zattera di salvataggio

zattera di salvataggioManca meno di un mese a marzo,  ci saranno le vacanze di Pasqua e sappiamo che vi verrà voglia di fare almeno un giro in barca,ma avete già controllato tutti i documenti  della vostra imbarcazione e le dotazioni di bordo?

Le zattere di salvataggio come ben sapete rientrano tra le dotazioni di bordo obbligatorie.

Quando si deve affrontare il mare, però, è giusto prestare la massima attenzione alla sicurezza per evitare di trovarsi nei guai. Prima di uscire in barca infatti è bene verificare sia le condizioni atmosferiche che quelle della barca stessa. Inoltre bisogna controllare che tutte le dotazioni di bordo siano a norma.

Le dotazioni di bordo sono un elemento fondamentale per la sicurezza in mare, regolamentate da norme precise che variano a seconda della distanza in miglia dalla costa.
Se si rimane entro le dodici miglia marittime dalla costa la dotazione di bordo è ristretta alle dotazioni essenziali come:
giubbotti di salvataggio, salvagenti con la cima, boette luminose e fumogene.

Se invece si superano le dodici miglia dalla costa allora entra in gioco la zattera di salvataggio, diventa un oggetto necessario da avere a bordo. La zattera di salvataggio va scelta in base alla distanza dalla costa. Ci sono però delle norme di base per la scelta della zattera di salvataggio che esulano dalla distanza costiera e che bisogna seguire alla lettera sia per non incorrere in sanzioni, sia per essere certi che la sicurezza a bordo sia la migliore possibile.

Cos’è la zattera di salvataggio

La zattera di salvataggio è un attrezzo galleggiante previsto tra le dotazioni di sicurezza di natanti, imbarcazioni e navi da convenzioni internazionali per la salvaguardia della vita umana in mare e da norme nazionali, come mezzo collettivo di salvataggio pneumatico idoneo a sostenere e a mantenere in vita persone in pericolo dopo l’abbandono della nave.

La  validità è di tre anni dall’acquisto, in seguito è obbligatoria per legge una revisione biennale.

Assieme alla zattera sono forniti:

Un manuale del proprietario contenente almeno le seguenti informazioni:

  • nome del fabbricante o marchio commerciale;
  • descrizione della zattera;
  • informazioni per il trasporto e lo stivaggio;
  • istruzioni per l’impiego;
  • consigli sulla sopravvivenza a bordo;
  • istruzioni per la manutenzione e la revisione della zattera.

Inoltre potete trovare una carta di identificazione che riporta queste informazioni:

  • nome del fabbricante o marchio commerciale;
  • modello della zattera;
  • numero di matricola della zattera;
  • idoneità della zattera al tipo di navigazione: (in questo campo dovranno essere indicate anche le eventuali limitazioni di utilizzo quali distanza massima dalla costa o da porti, ovvero utilizzo in zone di mare delimitate);
  • capacità della zattera in persone;
  • tipo Approvato Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, solo per le zattere di tipo approvato o riconosciute idonee per il diporto e per gli stessi tipi di navigazione dall’Amministrazione di uno Stato membro dell’Unione Europea o aderente all’Accordo sullo Spazio Economico Europeo, dovranno essere indicati gli estremi dell’approvazione rilasciata da un altro Paese comunitario o dello spazio economico europeo ovvero in mancanza di una formale approvazione gli estremi della norma tecnica obbligatoria che rendono le zattere idonee all’uso sulle unità da diporto nel Paese nel quale sono fabbricate o commercializzate;
  • numero e data del decreto ministeriale di approvazione (solo per le zattere approvate in Italia.
  • data di confezionamento;
  • registrazione delle revisioni effettuate comprensive del nome della stazione di revisione, del timbro e della firma del responsabile.

Fonte: “Wikipedia”

Come si sceglie la zattera di salvataggio giusta?

La prima regola da seguire per la scelta della zattera di salvataggio riguarda il numero massimo di persone che possono salire a bordo dell’imbarcazione. La zattera deve essere abbastanza grande da contenere tutte le persone che in quel momento si trovano a bordo, quindi la sua dimensione dipende  dalla capienza della vostra imbarcazione.

Un’altra regola da tenere presente  riguarda la revisione della zattera, che va fatta periodicamente per assicurarci ovviamente che sia sempre funzionante. Se la zattera di salvataggio è nuova va revisionata la prima volta a tre anni  di distanza dalla data di acquisto,  se la prendiamo usata allora è bene accertarci che la documentazione sia in perfetta regola, e che tutte le revisioni previste siano state fatte negli anni.

Un’altra norma molto importante per la scelta della zattera di salvataggio è quella riguardante la distanza costiera.

Se si rimane entro le dodici miglia marittime dalla costa si può utilizzare la cosiddetta zattera costiera, che negli ultimi anni è andata via via a sostituire il vecchio Atollo, con il quale si poteva solo stare aggrappati in caso di emergenza, ma comunque immersi nell’acqua.

Se si superano le dodici miglia di distanza dalla costa va portata a bordo una zattera provvista di copertura che possa proteggere dal sole diretto le persone a bordo, considerato che i soccorsi in alto mare sono molto più difficili che nelle vicinanze delle zone costiere. Questa zattera è denominata zattera oceanica.

Le zattere  devono comunque essere dotate di tutto il necessario alla sopravvivenza in mare, perché potrebbe passare parecchio tempo dal momento del naufragio o dell’avaria fino all’arrivo dei soccorsi.
All’interno della zattera quindi si dovrà avere il kit di sopravvivenza, che può essere personalizzato in base alle esigenze, ma nel quale non dovrebbero mancare oggetti fondamentali come una radio VHF per le comunicazioni piuttosto che del cibo, senza dimenticare una scorta di acqua potabile.

(Fonte: Minformo)

Se ci portate la carta di identificazione della vostra zattera saremo lieti di fornirvi un preventivo per la revisione e/o la rottamazione della vostra zattera.

Non avete ancora la zattera?

Pensate di spingervi abbastanza lontano da da doverne avere bisogno?

Saremo lieti di fornirvi un preventivo per l’acquisto di una zattera nuova.

Che aspetti? Invia una mail a info@portobarricata.it con la scansione del libretto della zattera.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *